FT-CI

Egitto

Prospettive del processo rivoluzionario in Egitto

27/02/2011

di Claudia Cinatti (La Verdad Obrera, 17 febbraio 2011)

La caduta dell’odiato dittatore Hosni Mubarak il 11 febbraio, che ha governato il paese con pugno di ferro per 30 anni, è senza dubbio una vittoria per i lavoratori, i giovani, i disoccupati e i poveri che per 18 giorni si sono mobilitati massicciamente nelle principali città del paese e hanno occupato la piazza Tahir del Cairo.

Né la repressione della polizia e delle bande fasciste di Mubarak, che ha prodotto centinaia di morti e decine di migliaia di feriti, né le vane promesse di apertura e democratizzazione del dittatore, sono state sufficienti a placare l’odio popolare e a spegnere le proteste, sospinte da esigenze democratiche e profondamente strutturali, tra cui la caduta del regime autocratico e pro-imperialista di Mubarak e dei suoi più stretti collaboratori come Omar Suleiman, la fine della povertà , della disoccupazione e della disuguaglianza sociale scandalosa.

Senza dubbio la chiave per accelerare la caduta finale di Mubarak è stato l’intervento organizzato della classe operaia egiziana con i suoi metodi di scioperi, picchetti e occupazioni ha impartito un’altra dinamica al processo.
A partire dall’8 febbraio decine di migliaia di lavoratori dell’ industria e del settore pubblico e dei servizi strategici sono scesi in sciopero in tutto il paese per salari più alti, contro il lavoro precario e il diritto a un sindacato democratico . Le ferrovie, gli ospedali, le comunicazioni telefoniche, l’industria tessile, le banche e la gestione del Canale di Suez, solo per fare degli esempi, erano completamente paralizzati.

Contro lo scetticismo alimentato per decenni dagli ideologi e dagli intellettuali al servizio del capitalismo, i lavoratori egiziani in un giorno hanno mostrato l’immenso potere sociale della classe operaia.
L’esercito, che ha rappresentato il principale sostegno del sistema assumendo una presunta neutralità durante i 18 giorni di protesta, ha sostenuto di fatto Mubarak e ha preso il controllo del paese con l’obiettivo di smantellare il processo rivoluzionario e cercare di riproporre l’"ordine" e "la normalità ". E’ stato sciolto il parlamento e la sospesa la Costituzione di Mubarak, ma è rimasto in vigore lo stato di emergenza in vigore da 30 anni. E’ stato nominato un consiglio di giuristi per modificare alcuni articoli della costituzione di Mubarak.

Di fronte alla minaccia della rivoluzione e alla debolezza delle variabili borghesi, la classe capitalista locale, l’imperialismo USA e i loro alleati, compreso lo Stato di Israele, negoziano perchè sia l’esercito a portare avanti una "transizione ordinata" per garantire essenzialmente la continuità del regime che protegge i loro interessi, la pace con lo Stato di Israele e la collaborazione dell’esercito per mantenere sottomesso il popolo palestinese.

I marxisti rivoluzionari salutano favorevolmente l’importante vittoria delle masse egiziane che sono riuscite a far cadere uno dei più stretti alleati dell’imperialismo Usa nella regione. Ma questo non è che l’inizio e non la fine del processo rivoluzionario: l’esercito, l’istituzione in cui il potere reale condensa, è rimasto intatto, che ha consentito al governo di entrare in carica e si è proposto come l’architetto della formazione di un nuovo regime borghese, espropriando, in questo modo, la vittoria della mobilitazione popolare.Pertanto è necessario continuare la lotta per la caduta di questo governo, contro l’imperialismo e per l’unificazione di tutte le rivendicazioni dei lavoratori e del popolo.

Una nuova tappa

La caduta di Mubarak come prodotto della mobilitazione operaia e popolare, e non un colpo di stato reazionario, è avvenuto in una fase in cui il rapporto di forze tra le classi in lotta è ancora indeterminato, cioè, si è avviata una transizione ma non si può nemmeno definire quale regime emergerà dal processo. L’esercito ha preso il potere e partire da ciò tenterà di ristabilire l’ordine, ma con la contraddizione che il sostegno che ha tra le masse potrebbe svanire se fosse costretto a ricorrere alla repressione. Ciò, a sua volta, potrebbe radicalizzare il processo e aprire una spaccatura nelle sue file tra gli ufficiali di basso grado e i soldati che hanno mostrato qualche segno di solidarietà con le proteste, e l’alto comando che fa parte della classe dirigente del paese, scontro che fino ad oggi è stato evitato.

Inoltre, l’ampio blocco sociale e politico che ha portato alla caduta della dittatura sta mostrando le sue divisioni e le linee di faglia. Alcuni settori della classe media e l’opposizione borghese, a cominciare da El Baradei e dei Fratelli Musulmani, ha accettato che la giunta militare rimanga in carica per sei mesi o per il tempo necessario per porre in essere una credibile alternativa borghese da presentare alle elezioni presidenziali, e hanno iniziato a negoziare la loro partecipazione al nuovo regime. Altri resistono a questo piano e chiedono un ampliamento delle libertà democratiche, a cominciare dall’abrogazione dello stato di emergenza e dalla liberazione tutti i prigionieri politici.

Ma, soprattutto, la vittoria ha incoraggiato i lavoratori a continuare e ad estendere l’ondata di scioperi in tutti i settori dell’economia per realizzare le proprie rivendicazioni.

In una delle prime uscite del governo, i militari hanno chiesto esplicitamente la fine degli scioperi "gli egiziani seri capiscono che questi scioperi, in questo delicato momento, hanno effetti negativi, danneggiano la sicurezza del Paese, provocando disagi in tutte le istituzioni statali". I capi militari hanno tentato di vietare il diritto di sciopero e le riunioni sindacali ma si sono scontrati con l’opposizione di decine di migliaia di lavoratori, che giustamente considerano, di aver conquistato questo diritto democratico con la caduta di Mubarak. Si è anche avviata anche la formazione di un sindacato indipendente dalla federazione sindacale ufficiale, alleata con Mubarak e il regime.

Le dinamiche che hanno prodotto questa tensione tra la classe operaia e gli uomini dalla "transizione" può essere un fattore decisivo nel futuro. Ci sarà una tendenza ad approfondire lo sciopero generale e ciò coinvolge nuove masse ad entrare nella lotta, o i militari, basandosi sul suo prestigio, riusciranno ad evitare la repressione e a conquistare dei settori decisivi al suo progetto di "transizione"?.Parte di questo piano è l’obbiettivo del salvataggio economico internazionale, che ha costretto la giunta militare a fare vuote promesse di un "piano Marshall" sostenuto dall’Italia e di altri paesi, anch’essi colpiti dalla crisi economica.

Le forze profonde del processo rivoluzionario egiziano

La rivoluzione in corso in Egitto, è il punto più alto della corrente che scorre attraverso il Nord Africa, e ha messo in scena le aspirazioni profonde delle masse arabe: la fine della povertà , della fame, della disoccupazione e della disuguaglianza sociale, aggravata dalla crisi capitalista e la volontà di rovesciare i regimi filo-imperialisti e dittatoriali che con pugno di ferro hanno imposto le privatizzazioni e le politiche neoliberiste, con l’aiuto di una burocrazia sindacale succube e di un potente apparato repressivo.
Oggi l’Egitto, con il suo 24%, ha uno dei più alti tassi di disoccupazione nella regione, mentre il salario mensile operaio è di 75 dollari e sono milioni - oltre il 50% della popolazione - coloro che vivono accalcati vicino alle grandi città , sopravvivendo con 2 dollari al giorno. Anche se queste condizioni sono state il risultato di decenni di offensiva neoliberista, negli ultimi tre anni, con l’aumento dei prezzi dei beni di prima, la fame si è diffusa tra le masse povere urbane.

Fu proprio nel 2008 che i lavoratori e i poveri delle città di questo paese organizzarono la cosiddetta "rivolta per il cibo", con azioni operaie emblematiche di come lo ’"sciopero del pane". Pur essendo un produttore ed esportatore di grano, il pane è quasi irraggiungibile per la maggior parte della popolazione, tre pezzi costano una libra, mentre la fortuna di Hosni Mubarak è stimata tra i 40 e i 70 miliardi dollari.

Il processo rivoluzionario avviato ora è stato preceduto da un’ondata di scioperi e proteste operaie e popolari nel 2004 che produssero in modo ineguale, delle sconfitte e ben poche vittorie. Il culmine di questa ascesa fu lo sciopero di migliaia di lavoratori tessili nella città di al-Mahala, nel mese di aprile del 2008. Questo processo condusse a una mobilitazione operaia e popolare di quasi mezzo milione di persone che si concluse con duri scontri con la polizia e il rogo delle immagini di Mubarak. In solidarietà con questa lotta dei lavoratori, venne creata la coalizione “6 aprile” che ha svolto un ruolo importante nella direzione delle proteste in corso.
Questo spiega sia la profondità del processo in corso sia il ruolo giocato dalla classe operaia come forza sociale fondamentale nella caduta di Mubarak, e la paura della borghesia che le masse non accettino dei cambiamenti democratici formali e attacchino le fondamenta stesse del capitalismo decadente.

Continua la lotta per conquistare il potere operaio e popolare

Nelle fasi iniziali del processo rivoluzionario, le masse sono state in grado di abbattere il dittatore Mubarak, ma non sono riuscite a spezzare l’esercito che è alla base dello Stato borghese. Le masse egiziane non possono permettere che forze reazionarie l’esproprino della sua vittoria, ottenuta al prezzo di 300 morti e migliaia di feriti. Non è sufficiente che il dittatore sia scomparso.

E’ necessario continuare la lotta per il pieno rispetto delle libertà democratiche e di organizzazione sindacale e politica e, per abrogare immediata le leggi di emergenza, per liberare tutti i prigionieri politici, per la chiusura delle carceri speciali nel deserto, dove i torturatori locali prestano i loro servizi alla CIA. E’ necessario battersi il processo e la condanna dei responsabili dei crimini della dittatura, a partire dalla giunta militare oggi al governo e per lo scioglimento dell’apparato repressivo.
Nessuna fiducia nei militari. È necessario rompere l’unità dei soldati e dei sottufficiali con i comandanti militari, che hanno gli stessi interessi delle classi sfruttatrici e ricevono 1.500 milioni di dollari ogni anno dagli imperialisti americani per i loro servigi. Per i pieni diritti politici e democratici per i militari di organizzarsi contro i loro datori di lavoro.
Di fronte alle minacce di repressione e di limitare il diritto di sciopero sono necessari i picchetti e altri metodi di autodifesa operaia e popolare per difendersi da possibili attacchi da parte delle forze di sicurezza o di bande di irregolari. La violenza organizzata della classe operaia sarà un fattore decisivo nella divisione dell’esercito e per conquistare i soldati alla rivoluzione.

La classe operaia ha mostrato il suo enorme potere nelle giornate di sciopero che hanno deciso i destino di Mubarak e dopo la sua caduta ancora lotta. È la classe che ha la forza sociale, in alleanza con i giovani disoccupati, gli strati più bassi delle classi medie e dei poveri delle aree rurali e delle città per sconfiggere la trappola della transizione e di fornire una potente alternativa. E’ necessario preparare uno sciopero generale politico con rivendicazioni salariali contro la precarietà, per le libertà sindacali e politiche, per porre fine le ultime vestigia della filo-imperialista e regime oppressivo che cercano di sostenere gli eredi militare Mubarak.
Per questo è necessario appoggiare completamente le masse che lottano per conquistare organizzazioni veramente democratiche, espellere i servi burocrati dei sindacati di regime, formare nuovi sindacati, che operino sulla base della democrazia operaia. Queste organizzazioni della classe operaia serviranno per per coordinare un’azione congiunta con le organizzazioni dei poveri della città e delle campagne, così come con gli studenti e gli altri settori sociali che vogliono combattere per porre fine alla fame, all’oppressione e alla subordinazione all’imperialismo. In questo processo, come è successo nel corso della storia, si svilupperanno gli embrioni di un vero potere duale operaio e popolare che ponga in discussione il potere della borghesia.

Per la rottura dei rapporti strategici con gli Stati Uniti e con lo Stato di Israele e di tutti i patti e gli accordi che subordinano il paese alle varie potenze imperialiste.

No alla trappola della transizione. Non si può permettere che coloro i quali sono stati il pilastro della dittatura siano quelli che quelli che supervisionino una riforma limitata della Costituzione, una concessione miserabile in relazione all’azione imponente del movimento di massa. L’unica soluzione è un governo provvisorio realmente democratico delle organizzazioni operai e popolari in lotta che convochi una Costituente Rivoluzionaria a partire dalla liquidazione del regime dittatoriale e delle sue istituzioni, in cui i rappresentanti liberamente eletti per discutere e decidere sui grandi problemi del paese come la rottura con l’imperialismo e lo Stato di Israele, l’espropriazione dei proprietari terrieri e la distribuzione delle terre ai contadini poveri, la soluzione dei problemi dei poveri delle città , e di altre grandi questioni nazionali, che dia l’impulso a lottare per un governo operaio e popolare basato sugli organi della democrazia operaia, che giunga a comprendere che la soluzione di queste esigenze strutturali sarà possibile solo con l’espropriazione dei capitalisti e l’espulsione dell’imperialismo.

Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)