FT-CI

La giunta militare propone una legge contro gli scioperi

Egitto: “transizione”... ma con il pugno di ferro

01/04/2011

Egitto: “transizione”... ma con il pugno di ferro

A quasi due mesi dalla caduta di Hosni Mubarak, che si era dimesso in seguito alla grande mobilitazione di massa che era iniziata il 25 gennaio, la giunta militare sta guidando il processo di transizione. All’interno di questa transizione, insieme con il referendum del 19 marzo, che ha registrato un relativa partecipazione, il Consiglio Militare sta mettendo a punto un progetto di legge che vieta le proteste operaie, che continuano da febbraio, Se il progetto fosse approvato diverrebbe un crimine partecipare a uno sciopero, a un sit-in o a una manifestazione che possano interferire con lo sviluppo economico. In tal modo, si vorrebbe limitare il diritto di sciopero o di qualunque azione di forza che possano compromettere lo sviluppo economico, facendoli diventare strumenti poco efficaci come strumenti di azione operaia.

Domenica 27 marzo in Egitto ci sarà una manifestazione di lavoratrici e di lavoratori contro il progetto contro il disegno di legge messa al bando gli scioperi e le proteste dei lavoratori, perché "intaccano l’economia".Il disegno di legge, promosso dal Consiglio dei ministri e sostenuta dall’esercito, criminalizza le lotte per migliori salari e condizioni di lavoro, mentre si mantiene lo stato d’emergenza. Lo stato di emergenza in vigore dal 1981, è stato respinto a a larga maggioranza della popolazione ed è stato uno degli slogan principali che ha fatto crescere la rivolta iniziata il 25 gennaio e che ha portato alle dimissioni del dittatore Mubarak l’11 febbraio.

Nel febbraio del 2011, è partita un’ondata di scioperi nei servizi e nell’industria che ha paralizzato il paese e ha mostrato la forza sociale della classe operaia e impaurito i padroni. In seguito alle dimissioni di Mubarak, il nuovo governo guidato dalla giunta militare ha esortato la gente ad abbandonare le strade e le proteste per "costruire un nuovo Egitto". Anche se gran parte delle classi medie che hanno partecipato al movimento di piazza Tahir si è ritirata dalle piazze, gli scioperi si sono protratti per settimane.

Anche se il governo militare ha promesso di abrogare lo stato di emergenza prima che si svolgano le elezioni nel settembre 2011, tuttavia mantiene i divieti esistenti derivanti da questa legge. Diversi settori hanno espresso la loro sana sfiducia nella transizione e il disegno di legge di messa fuorilegge degli scioperi non fa che accrescere questa diffidenza. Il movimento giovanile "6 aprile", ha condannato la proposta di legge e ha dichiarato: "E ’inaccettabile sopprimere la libertà di espressione per la gente, qualsiasi sia la ragione." Infatti il gabinetto militare sta sostenendo il progetto di legge giustificandolo con le preoccupazioni per gli effetti che gli scioperi hanno avuto sull’economia.

Se il decreto venisse approvato diverrebbe reato partecipare a uno sciopero o a una manifestazione che possa colpire l’economia del paese. Quindi, limita il diritto di sciopero, o di qualunque azione di forza che possa compromettere lo sviluppo economico facendola diventare uno strumento poco efficace per la lotta operaia. Questo progetto non è una novità della giunta che ha preso il potere nel post-Mubarak: nel 1952, dopo il colpo di stato che pose fine alla monarchia, il consiglio rivoluzionario del governo del colonnello Nasser mandò a morte due attivisti operai, con il pretesto che fossero "controrivoluzionari"; nel 1977 l’allora presidente Anwar Sadat redasse una legge simile contro le proteste del gennaio dello stesso anno. I militari del governo dicono che gli scioperi che si sono sviluppati dopo la caduta di Mubarak non hanno ragione di essere perché il governo sta lavorando a una nuova politica salariale e occupazionale. Nel frattempo, hanno chiesto di aspettare pazientemente la riforma, mentre nelle fabbriche i lavoratori e le lavoratrici sopportano l’enorme divario tra i salari da miseria e i milioni in profitti dei padroni.

Si noti anche che l’esercito non è un attore neutrale in questa disputa tra datori di lavoro e dipendenti. Una parte importante delle fabbriche e delle aziende appartengono ad alti ufficiali dell’esercito e molti investimenti sono dei militari e delle loro famiglie. I militari sono i proprietari della società di acque minerali, di olii, di pesticidi e controllano gli impianti del trattamento delle acque, nonché alberghi e altre società di servizi.

Nuovi scioperi e organizzazioni

Dal 1° marzo, 6000 insegnanti nella provincia di Qena hanno lanciato uno sciopero per il passaggio a ruolo di tutti gli insegnanti e delle insegnanti (che sono lavoratori temporanei e non hanno la sicurezza di lavoro). Il Ministero dell’Istruzione ha replicato che gli insegnanti precari da più di tre anni sarebbero stati assunti a tempo indeterminato, previo passaggio di un esame. Gli scioperanti hanno respinto la proposta e hanno affermato che continueranno a lottare fino a quando "tutti gli insegnanti che lavorano a tempo determinato o precario saranno assunti a tempo indeterminato.” (Sinistra Lavoro Reporter, 24 / 3).

Questo sciopero è un esempio delle proteste che si sono sviluppate negli ultimi mesi, per ottenere migliori condizioni di lavoro e salari più alti. Insieme a questa ondata di scioperi, dopo la caduta di Mubarak, diversi sindacati si sono organizzati in modo indipendente dalla vecchia centrale. Come parte di questo processo di riorganizzazione è stata creata una nuova centrale sindacale indipendente che tra le rivendicazioni chiede la rinazionalizzazione delle imprese privatizzate, la libertà sindacale, il diritto di sciopero e la dissoluzione della federazione sindacale burocratica.
In questi quadro, il 24 marzo è stata formata l’Unione Indipendente dei Lavoratori dei Trasporti Pubblici con una manifestazione a cui hanno partecipato centinaia di lavoratori presso la sede dell’Unione dei Giornalisti. Il sindacato organizza 60.000 conducenti di autobus, piloti, meccanici e gli ingegneri del trasporto pubblico in tutta la regione intorno al Cairo (http://www.arabawy.org).

Transizione con il pugno di ferro

Malgrado ci fossero delle aspettative di cambiamento dopo l’ondata di manifestazioni che hanno fatto cadere Mubarak e del fatto che fossero le prime elezioni in 50 anni, la partecipazione ael referendum del 19 marzo è stata relativamente bassa (41% secondo la stampa).Questo si spiega in parte con i limiti della proposta plebiscitaria, che includeva solo una serie di modifiche ad alcuni articoli della Costituzione.

Tuttavia, le poche modifiche alla Costituzione (che contiene alcune riforme democratiche e la convocazione delle elezioni) sono state presentati dalla stessa giunta, al fine di tenere in piedi nell’essenza il potere del regime militare. Ovvero, sono stati i capi militari, e non le masse che hanno rovesciato Mubarak, a decidere cosa doveva essere conservato e cosa che doveva essere abrogato della vecchia Costituzione, impedendo così ogni remota possibilità di una convocazione di un’Assemblea Costituente, che ridiscutesse tutti problemi del paese, compreso il rapporto con l’imperialismo e lo stato sionista d’Israele, così come il potere dell’esercito nella vita politica ed economica dell’Egitto.

A questo fine, l’esercito ha avuto l’inestimabile aiuto dei Fratelli Musulmani che sono passati dall’opposizione al sostegno entusiasta del "Sì" nel referendum, che serve solo per aprire la strada per deviare la rivolta popolo egiziano lungo il percorso di una sterile di elezioni presidenziali in cui ci sia una "clausola di salvaguardia" per l’esercito come un pilastro fondamentale del regime. E’ in questo contesto che il Consiglio militare ha potuto sostenere una linea dura contro gli scioperi, e ci siano stati casi di tortura e persecuzione denunciati da molti attivisti e organizzazioni. Il caso più noto è il recente rapporto di 17 organizzazioni per la tortura di oltre 170 attivisti arrestati il 9 marzo dopo lo sgombero di piazza Tahir e poi trasferiti prima in locali presso il Museo Egizio e poi nel carcere militare. Tra gli arrestati c’erano 18 donne, che sono state pestate e torturate con scosse elettriche e a cui è stato persino praticato (ad almeno 6 di esse) un "test di verginità " (il controllo se l’imene fosse intatto.)Partendo dalla consuetudine reazionaria del divieto di rapporti sessuali prematrimoniali, i militari hanno umiliato le donne detenute, al fine di inviare un messaggio a tutte le donne che hanno partecipato in massa alle proteste dal gennaio 2011.

Per questo motivo, le organizzazioni per i diritti umani e delle organizzazioni sociali hanno denunciato violazioni dei diritti umani e hanno chiesto che i responsabili siano perseguiti. Pochi mesi fa in Piazza Tahir, un manifestante mostrava un cartello che diceva "una mezza rivoluzione equivale alla distruzione della nazione". L’attuale transizione guidata dalla giunta militare mette in discussione le conquiste della rivoluzione democratica egiziana trionfante. All’ opposto di questa visione, che giunge all’impasse di scegliere il male minore, la caduta di Mubarak è stato solo il primo passo del processo rivoluzionario che si è aperto in Egitto e che si è esteso in gran parte del mondo arabo e musulmano.

Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)