FT-CI

Portogallo

Tra “maiali” e “cigni neri”

17/04/2011

In inglese "PIGS" significa "maiali" ed è l’acronimo con il quale di recente sono stati indicati i paesi della zona euro caduti in disgrazia. La "P" di Portogallo è la prima lettera di questo miserevole acronimo, seguita dalla "I" dell’Irlanda, la "G" della Grecia e la "S" della Spagna. Il 23 marzo, José Sócrates, primo ministro portoghese del Partito socialista, si è dimesso quando i partiti di opposizione hanno respinto il suo quarto taglio al piano di bilancio in meno di un anno. Le misure proposte contemplavano l’aumento delle tasse, un aumento di 2 punti percentuali delle imposte, la riduzione degli stipendi pubblici, il congelamento delle pensioni e degli appalti pubblici, il taglio delle prestazioni sociali e dei sussidi di disoccupazione, una riduzione del 10% della spesa sanitaria, più altri tagli nel settore dell’istruzione, della giustizia e della difesa, e tra le altre misure una grande riforma del lavoro e il rinvio di progetti infrastrutturali. Il piano, applaudito dalla Banca Centrale Europea, era destinato a ridurre il disavanzo ed evitare un intervento da parte dell’Unione europea. Il centro-destra del PSD, il cui leader è Pedro Passos Coelho, che è in testa nei sondaggi elettorali, oltre ad avere approvato tutti i piani di regolazione precedenti, ha ribadito il suo "impegno solenne a rispettare gli obiettivi di ridurre e controllare il deficit di bilancio." Sia i socialisti che i conservatori concordano con gli obiettivi di riduzione del disavanzo e del debito. Il fantasma che si profila è che l’instaurazione di misure draconiane conduca il governo ad essere ancora più debole. A parte gli aspetti sovrastrutturali di questa crisi politica, si vorrebbe passare attraverso un pronunciamento elettorale dei portoghesi che porti alla formazione di un governo appoggiato dalla maggioranza del Parlamento che possa realizzare un duro programma di aggiustamento di bilancio e di riforme economiche. Due giorni dopo le dimissioni di Socrates, il presidente conservatore Cavaco Silva è stata sollecitato da tutte le parti ( dai socialisti, dai socialdemocratici e dal Partito popolare conservatore) a convocare elezioni anticipate.

Nuova minaccia per l’Euro

Le dimissioni di Socrates hanno oscurato il Vertice dell’Unione europea previsto per il giorno dopo che aveva lo scopo di fermare la diffusione della crisi del debito e di evitare ulteriori salvataggi attraverso un pacchetto di misure tra cui la creazione di un programma salvataggio permanente. Il Portogallo deve affrontare scadenze per circa 9.000 milioni di euro (12.800 milioni di dollari) tra il 15 aprile e il 15 giugno. E se un piano di adeguamento non fosse approvato, le agenzie di rating "castigherebbero" il paese interessato. Così, gli interessi stanno aumentando e il paese si sta avvicinando a una situazione di default. La Standard & Poors ha declassato, nei giorni scorsi, il rating del debito della Grecia e del Portogallo. Il rating greco è stato valutato inferiore a quello dell’Egitto e i titoli di stato del Portogallo sono a un passo dall’essere considerati "junk bond". I titoli a 5 anni del debito portoghese hanno superato il tasso del 8%. In questo contesto, è altamente probabile che il Portogallo, la cui economia a seconda di diverse previsioni subirebbe una contrazione del PIL tra il 1,4 e 2% nel 2011, sia tenuto a realizzare un piano di "salvataggio" per 70.000 milioni di euro preparato dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale. Ma dietro la crisi del Portogallo, spunta l’irrisolta crisi dell’euro. La situazione del debito portoghese è particolarmente grave per l’esposizione delle banche spagnole. La Spagna è il maggiore creditore del Portogallo e un default di quest’ultimo, sarebbe un duro colpo alla sofferente economia spagnola, la quale deve fare i conti con una disoccupazione del 20%. E la Spagna non è semplicemente uno dei "Pigs": la sua economia è più grande della somma di quelle del Portogallo, dell’Irlanda e della Grecia ed è la quinta economia della zona euro. Una debacle dell’economia spagnola sarebbe una problema difficile da superare per l’euro.

Lo sviluppo di una nuova crisi dell’euro, aggiungerebbe un elemento critico alla debole ripresa economica nel quadro della crisi politica internazionale. La banca centrale cinese afferma che "La crisi del debito d’Europa è una minaccia per la ripresa economica globale". Dall’inizio dell’anno, la Cina ha destinato gran parte delle sue riserve per l’acquisto di obbligazioni portoghesi e spagnole. Per evitare le possibili implicazioni di una crisi del debito in Portogallo, la Cina (e anche Brasile) sarebbe disposta a un nuovo acquisto dei loro titoli obbligazionari.

Che dire dei cigni neri?

I cigni neri sono un fenomeno strano. Gli europei credevano che non esistessero fino a che non giunsero in Australia nel 1697. Il Professore presso l’Università di New York, Nassim Nicholas Taleb, teorizzò che questi animali simboleggiassero un evento altamente improbabile. Il quotidiano australiano The Sydney Morning Herald ha sentenziato, in un articolo pubblicato la settimana scorsa che "i mercati globali stanno dimostrando che la crescita economica è sufficientemente sostenuta per compensare l’invasione di cigni neri che ci affligge, da quando siamo entrati in questo 2011". La teoria dei "cigni neri" o dell’imponderabile è una consolazione per tutti coloro che avevano decretato la fine della crisi economica globale. Ma ci spiace far notare che ciò non è qualcosa “d’imponderabile”.L’aumento dei prezzi dei generi alimentari e dei prezzi del petrolio, i processi rivoluzionari in Nord Africa e Medio Oriente, la guerra in Libia, la crisi dell’euro, la debolezza strutturale della ripresa dell’economia statunitense, che impone limiti severi alle esportazioni cinesi e al l commercio internazionale, sono fatti legati uno all’altro da una robusta catena. Sono il risultato delle misure di contenimento della crisi economica mondiale iniziata nel 2008, che stanno diventando anelli deboli di una catena, che potrebbe rompersi [1]

Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)