FT-CI

Primo analisi dal Brasile dopo il secondo turno delle elezioni

Malgrado una vittoria schiacciante, il secondo mandato di Lula sarà più instabile

12/11/2006

Dopo le incertezze dovute ai risultati del primo turno [1], Lula ha vinto al secondo turno con il 60,83% dei voti contro 39,17% per il suo rivale del PSDB, Geraldo Alckim. Ansi, è riuscito ad ottenere più voti rispetto al 2002.

Contrariamente alle aspettative dei tucanos [2] che pensavano di poter rafforzare la candidatura di Alckim dopo i sorprendenti risultati del primo turno, non solo il candidato del PSDB non è stato in grado di sconfiggere Lula ma ha ottenuto 2,4 milioni di voti in meno rispetto al risultato dello scorso primo ottobre. Anche a São Paolo, bastione dei tucanos, Alckim ha perso dei voti e Lula ha vinto nella Baixada Santista (zona del porto) e nel Gran São Paolo.

Per vincere contro Alckim, Lula si è visto obbligato a ricorrere a una retorica più a sinistra, contro i tagli alla spesa pubblica e contro le privatizzazioni. Difendeva esattamente il contrario di quanto è stato fatto durante i quattro anni di governo e di quanto dovrebbe fare durante la prossima presidenza...

Ma la sua chiara vittoria ha dimostrato che la grande maggioranza della popolazione, in particolare nelle regioni e città più povere del paese, continua a avere in mente gli otto anni di governo di Fernando Henrique Cardoso (PSDB) che ha applicato senza sosta le ricette neoliberali attraverso una politica cosiddetta di “shock di gestione”, accompagnata da innumerevole privatizzazioni. In 2002 Lula si è presentato con un programma destinato a sedurre la piccola e la grande borghesia. L’usura politica del suo governo screditato dai scandali di corruzione che hanno travolto il PT ha generato un calo dei consensi fra il ceto medio. Lula ha dunque dovuto appoggiarsi questa volta sui settori più poveri della popolazione, quelli che hanno più approfittato dei programmi assitenzialisti portati avanti sotto il suo primo mandato. Tutto ciò vuole dire che malgrado lo scandalo del “mensalào” [3], l’entrata in vigore della riforma delle pensioni, quella sulle PPPs (societunità pubblico-private), Lula continua a riuscire a passare per un anti-neoliberale e un difensore dei deboli.

Non ostante, la realtunità è ben diversa. Il ruolo di contenzione del PT e della CUT ha fatto si che il governo ha potuto continuare l’opera iniziata sotto il governo di Cardoso. Ma il fatto di continuare sulle orme neo-liberiste di Cardoso ha protetto in certo senso il PSDB malgrado l’usura che ha significato per questo partito otto anni di governo. Lula ha contribuito a rivitalizzarlo indirettamente agli occhi di alcuni settori. Questo si può vedere nella vittoria dei tucanos alle elezioni a governatore in Stati importanti come São Paolo, Rio Grande do Sul e Minas Gerais. Ne sono testimoni anche i buoni risultati elettorali di Alckim fra il ceto medio, principalmente a São Paolo e nel Sud del paese.

Questo quadro elettorale dimostra in maniera distorsionata non solo una preservazione del PSDB ma anche che si sta accumulando all’interno della società brasiliana una tendenza alla polarizzazione sociale che è virtualmente esplosiva. L’opposizione borghese (PSDB e PFL) conta su una base d’appoggio importante, principalmente negli Stati più ricchi del Sud del paese. Potrà utilizzarla per provare a destabilizzare Lula ed aumentare la polarizzazione sociale o al contrario per negoziare l’applicazione delle riforme e i futuri attacchi in modo di poter preparare il terreno per una transizione tranquilla per l’orizzonte 2010, quando la destra pensa di poter tornare al governo.

In questo momento, il PT continua a celebrare l’enorme vittoria elettorale di Lula. Prevale l’immagine di un governo più forte e più stabile del primo. Non ostante tutti gli scandali, il PT continua ad avere il secondo gruppo parlamentare alla Camera. A livello delle elezioni dei governatori, è anche riuscito a strappare lo Stato di Bahía, bastione tradizionale del PFL, a Antônio Carlos Magalhães. Nel seno del PMDB (partito borghese di centro), un partito di “caciques” [leader] regionali e locali che tende a dividersi fra sostenitori del governo e dell’opposizione, l’ala pro-Lula si è rafforzata. In funzione di tutto ciò e delle vittorie di alcuni suoi alleati, Lula inaugurerà il suo secondo mandato con una base d’appoggio fra i governatori più importante, 17 su 27. Infine, per completare questo quadro, i due principali governatori del PSDB, Aécio Neves nel Minas Gerais y José Serra a San Pablo, hanno cambiato d’attitudine e rappresentano la frazione più conciliatrice rispetto al governo Lula del blocco PFL/PSDB.

Tutto ciò, non ostante, non è sinonimo di stabilità . Il contenuto del voto per Lula al secondo turno è stata l’espressione, come nel 2002, di quel sentimento ancora radicato fra i settori popolari ed operai d’opposizione alle politiche neoliberiste incarnato dal PSDB. Questo è un sintomo che i lavoratori e le masse potrebbero opporsi risolutamente agli attacchi che gli colpiranno. Se Lula prova a trarre profitto della sua forza congiunturale per unire i diversi settori borghesi intorno al suo governo per applicare la seconda parte dell’agenda di riforme neoliberiste previste, correrà il rischio di un’usura veloce fra le sue basi d’appoggio tradizionali, specialmente in seno al movimento operaio e nel sindacalismo della CUT. Se al contrario prova a scavalcare le aspirazioni del movimento di massa ed applicare le riforme anti-popolari col contagocce per preservare la sua base sociale, Lula potrebbe vedere i suoi sostegni fra la borghesia sparire e potrebbe riemergere con forza quella polarizzazione sociale che si è espressa nelle elezioni.

- Pagina web della LERQI
www.ler-qi.org

- Pagina web della Frazione Trotzkista per la Quarta Internazionale
www.ft-ci.org

- Pagina web della Frazione Trotzkista (Europa)
www.ft-europa.org

  • TAGS
  • NOTAS
    ADICIONALES
  • [1Per un’analisi del primo turno delle elezioni, vedere tra l’altro “Secondo turno delle elezioni in Brasile, ne Lula ne Alckmin!”, dichiarazione politica della LERQI (Lega Estratégia Revolucionária), FTQI, 05/10/06 [NdT].

    [2Come tucano si intende i rappresentanti “moderni” della borghesia del PSDB (il tucano è il simbolo del partito fondato in 1988). Si differenziano ad esempio dei “coronelistas”, presenti nel seno del PFL ma anche in partiti di centro sinistra come il PDT, che rappresentano i settori politici più compromessi con l’apparato repressivo della dittatura. Antônio Carlos Magalhães di cui si parla in quest’articolo è uno di loro. I coronelistas si raggruppano in particolare nel cosiddetto gruppo parlamentare “bancada da bala” [NdT].

    [3Fra altri scandali che hanno caratterizzato la gestione del primo governo PT, quello del “mensalào” è stato il più importante. Si è verificato che il PT pagava segretamente ad alcuni deputati dell’opposizione una bustarella mensile a scambio del loro sostegno in aula [NdT].

Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)