FT-CI

Il PSTU e le elezioni, una polemica dal Brasile

È stato un successo il Fronte di Sinistra

12/11/2006

Il PSTU e le elezioni, una polemica dal Brasile

È stato un successo il Fronte di Sinistra [1]?

Quello che vale per gli uomini può essere applicato in certa misura anche alla politica e ai partiti. L’uomo intelligente non è quello che non sbaglia. Queste persone non esistono e non possono esistere. L’uomo intelligente è uno che fa degli errori, non molto gravi, e sa correggerle facilmente e velocemente.
Lenin, L’estremismo, malattia d’infanzia del comunismo (1920)

Anche per un lettore attento, è difficile trovare nell’articolo di Eduardo Almeida sul bilancio del Fronte di Sinistra (FS) rispetto alle elezioni presidenziali brasiliane argomenti che permetino di giustificare in che misura il Fronte è stato un “successo”. È difficile trovare alcun argomento che almeno dimostri come, malgrado tutte le violazioni dello stesso programma del FS da parte di Helena che l’articolo non può non nominare, come malgrado tutte le manovre dei settori più opportunisti del PSOL, il bilancio del FS possa essere globalmente positivo [2].

Per presentare i suoi errori come se fossero dei successi, la direzione del PSTU prova ad astrarre il risultato concreto delle elezioni della discussione politica più generale [3]. Comincia quindi l’articolo sottolineando come “molti hanno preso la quantità di parlamentari eletti come l’elemento fondamentale per fare il bilancio delle elezioni”, mentre per il PSTU “questo è un criterio sbagliato [4]”. Almeida prova in questa maniera a coprire come il diluirsi nel Fronte dietro Heloísa Helena e il PSOL ha significato una vera e propria sconfitta politica per il PSTU alle elezioni [5]. Sarebbe comico, se non fosse in realtà tragico, vedere come il PSTU si lamenta del fatto di avere “appoggiato una candidata a presidente che non sosteneva i nostri candidati a deputati”. Dovrebbe sapere la direzione del PSTU che la politica d’adattamento non può che condurre a questo.

Dall’altra parte, non è vero che il voto alle candidature operaie sia una questione secondaria. C’era una possibilità , difesa in un primo momento dallo stesso PSTU e sostenuta dalla LERQI, di presentare, in base alla Conlutas e alla Conat un programma e dei candidati operai a partire di quella piattaforma che rappresenta un processo di rottura con il PT e il suo braccio sindacale, la CUT [6]. Per sminuire invece il fatto che i deputati eletti del FS (tutti i tre del PSOL) non hanno niente a che vedere con gli interessi strategici dell’avanguardia operaia, dice Eduardo Almeida che “l’elezione di parlamentari impegnati nella lotta contro la riforma del codice del lavoro e delle pensioni (...) sarebbe molto importante. Ma l’elemento decisivo è l’esistenza delle lotte dirette (...). Per ciò, per noi l’elezioni di deputati è importante ma non decisiva per fare il bilancio del FS. Quello che è fondamentale è la sua importanza politica per i lavoratori”. Sarebbe stato o no un passo in avanti per la classe operaia se si potesse contare oggi su un deputato operaio che attuasse dal Parlamento come un vero tribuno del popolo, difendendo una politica di classe e denunciando da lଠi limiti della democrazia borghese? Esistevano o no le condizioni per che queste candidature di classe ottenessero più voti che nel 2002?

È vero, non ostante, che i lavoratori continuano a mantenere grandi speranze rispetto a Lula ma la delusione in alcuni settori apriva uno spazio per la crescita elettorale di candidature classiste, sopratutto considerando l’esistenza di Conlutas e della Conat che secondo il PSTU rappresenterebbero più di due milioni di lavoratori [7].

I risultati non eccelsi ottenuti dal FS nel movimento operaio ha a che vedere con il fatto che Heloísa Helena non si è stancata di fare dei gesti per attrarre l’appoggio di settori borghesi durante la campagna elettorale. In questo senso, la maggior sconfitta del PSTU è stata il suo rifiuto cosciente di difendere un programma classista. Rimanendo dietro di Heloísa Helena e facendo di tutto per trovare argomenti che gli permettessero di rimanere pacificamente nel Fronte, la direzione del PSTU si è letteralmente annullata politicamente di fronte alle masse lavoratrici che nella loro grande maggioranza hanno votato per Lula.

Secondo il PSTU, i voti ottenuti da Heloísa Helena « possono in generale attribuirsi ai lavoratori e ai giovani che rompono con il governo Lula da sinistra ». Seguendo questa logica [8], è stato quindi un successo presentare a questi lavoratori e giovani una candidata che, secondo lo stesso Almeida, “ha difeso apertamente posizioni contrarie ai movimenti sociali”, contrarie al diritto all’aborto, mentre César Benjamin difendeva un “programma opposto al Manifesto [del FS], [il cui] asse era solo la riduzione dei tassi d’interesse, lasciando da parte la rottura con l’imperialismo e la lotta contro le riforme”?

Siamo d’accordo con la critica fatta da Valério Arcary [9] nel suo testo pubblicato due giorni dopo il primo turno in cui affermava che Heloísa Helena non aveva una visione rivoluzionaria del « socialismo » e che, « sfortunatamente, la paura di perdere dei voti [spiegava] il discorso di Helena. I socialisti invece non nascondono il loro programma durante le campagne elettorali ». Se fosse cosi, perché il PSTU ha accettato il programma del FS elaborato dal PSOL ? Perché la direzione del PSTU, che non ha nessuna illusione rispetto a Heloísa Helena, l’ha presentata alla classe operaia come « un’alternativa per i lavoratori » ?

Invece il PSTU vuole trasformare l’errore in virtù. Sottolinea come una cosa positiva il fatto di essersi comportato durante tutto il processo elettorale per preservare “l’unità ” del Fronte di Sinistra. Questa logica che consiste a mantenere a tutti costi l’unità non può non affrontare un problema fondamentale. Non può fare a meno del contenuto concreto di quest’unità . L’unità non può essere separata in nessun modo degli interessi che serve. Nel caso del Fronte di Sinistra, è più che palese che quest’unità è servita per lanciare la candidatura di Heloísa Helena e non è servita a fatto, come l’abbiamo già ribadito, per mettersi al servizio della difesa degli interessi strategici della classe operaia, delle classi subalterne. La candidatura di Helena e di Benjamin ha privilegiato invece, con un programma anti-neoliberista poco conseguente e neo-desarollista [10] il dialogo con settori della piccola borghesia, frazioni della cosiddetta “borghesia produttiva”. È stata un’unità che, invece di favorire i lavoratori ha favorito sopratutto Helena e i settori più opportunisti del PSOL. Si può considerare tutto ciò come un successo?

Possiamo solo essere d’accordo quando Almeida afferma comunque che “si è lasciata passare un’opportunità politica molto importante. Con una definizione programmatica chiara avremmo potuto fare avanzare la coscienza di un’importante frazione dei lavoratori e della gioventù, e avremmo potuto preparare allo stesso tempo le future lotte contro le riforme”. Bisogna ormai che la direzione del PSTU si faccia carico di tutto ciò.

- Pagina web della LERQI
www.ler-qi.org

- Pagina web della Frazione Trotzkista per la Quarta Internazionale
www.ft-ci.org

- Pagina web della Frazione Trotzkista (Europa)
www.ft-europa.org

  • TAGS
  • NOTAS
    ADICIONALES
  • [1Questo testo è tratto dall’articolo di Simone Ishibashi, « O PSTU e a Frente de Esquerda. Um brinde ã unidade a todo o custo », pubblicato su Palavra Operária, giornale della LER-QI, di ottobre.
    http://www.ler-qi.org/jornal/dehoje.htm
    Rispetto ai risultati del primo turno, vedere tra l’altro “Secondo turno delle elezioni in Brasile, ne Lula ne Alckmin!”, dichiarazione politica della LERQI (Lega Estratégia Revolucionária), FTQI, 05/10/06 [NdT].

    [2Tutte le citazioni sono estratte dall’articolo centrale di bilancio del Fronte di Sinistra rispetto alle elezioni scritto da Eduardo Almeida Neto, uno dei principali dirigenti del PSTU brasiliano, “O acerto da construção da Frente de Esquerda », pubblicato in Opinão Socialista n°277, 05-18/10/06.
    http://www.pstu.org.br/eleicoes2006_materia.asp?id=5768&ida=22

    [3Heloisa Helena e il suo candidato a vice-presidente, César Benjamin, presentati dal Fronte di Sinistra, hanno ottenuto 6,5 milioni di voti. Si svolgeva allo stesso tempo elezioni legislative federali, elezioni senatoriali ed elezioni di governatori [NdT].

    [4Dei sette deputati federali del PSOL (eletti nel 2002 sulle liste del PT di cui sono usciti), ne rimangono solo 3, mentre il PSTU non ha nessun rappresentante [NdT].

    [5Ricordiamo che nel 2002, il PSTU aveva preso 159.000 voti per le elezioni di deputato federale, questa volta ne ha ottenuto solo 58.000. Per le elezioni senatoriali, aveva ottenuto, presentandosi in 19 Stati, 490.000 voti, e questa volta, presentandosi in 15 Stati solo 203.000 voti. Nello Stato si San Paolo, il suo candidato per il Senato è sceso da 113.000 voti a 81.000 [NdT].

    [6Vedere ad esempio « Balanço do CONAT e perspectivas para a Conlutas, Um importante êxito em reunir a vanguarda, porém incapaz de orientá-la para se ligar ás massas », LERQI, maggio 2006,
    http://www.ler-qi.org/mo/index.htm

    [7La LERQI partecipa sia a Conlutas che al Conat, senza comunque nascondere le sue divergenze, soprattutto riguardo al fatto che l’asse centrale della lotta politica in Brasile continua ad essere l’impegno per sottrarre all’influenza della burocrazia della CUT i trenta milioni di lavoratori brasiliani che rimangono organizzati al suo interno (senza parlare delle altre organizzazioni sindacali minori ma importanti, come Força Sindical ad esempio), riconquistando i sindacati per trasformargli in strumenti di lotta, cacciando i burocrati petisti o pelagos (di destra) che servono gli interessi della borghesia [NdT].

    [8Ricordiamo comunque che in un primo momento quasi la metà degli elettori di Heloísa Helena esitavano a votare Alckim mentre al secondo turno, molti voteranno Lula, seguendo le indicazioni di una parte della direzione del FS e del PSOL.

    [9Professore della USP, membro della direzione del PSTU [NdT]

    [10Il « desarollismo », la cui figura attualmente più nota è sicuramente l’ex presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso (PSDB) è una corrente di pensiero economico e politico sviluppatasi a partire degli anni cinquanta. Prevede la possibilità di un superamento dell’arretratezza latino americana attraverso politiche economiche ambiziose basate sullo sviluppo dei settori produttivi in mano alle borghesie nazionali [NdT].

Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)