FT-CI

Dichiarazione di Emergenza della Frazione Trotskista per la Quarta Internazionale

DIFENDIAMO LA COMUNE DI OAXACA

29/10/2006

DIFENDIAMO LA COMUNE DI OAXACA

ABBASSO LA REPRESSIONE DELLA POLIZIA FEDERALE E DELL’ESERCITO

Da poche ore è iniziata l’operazione militare contro la Comune di Oaxaca, con l’arrivo di aerei e di elicotteri sulla città e di centinaia di poliziotti della Polizia Federale Preventiva (PFP) pronti a reprimere. Il governo federale di Fox ha lanciato un ultimatum all’Assemblea Popolare dei Popoli di Oaxaca (APPO) chiedendo di smantellare le barricate. E’ necessario e urgente organizzare immediatamente la solidarietà effettiva dei sindacati e delle organizzazioni politiche, sociale e popolari per frenare gli attacchi e la repressione scatenata dal governo dello Stato di Oaxaca e dal governo federale.

Negli ultimi cinque mesi, i lavoratori e il popolo di Oaxaca hanno dato esempio di come lottare contro i governi capitalistici: con centinaia di barricate, con lo sciopero degli insegnanti della pubblica istruzione e con il mantenimento di un picchetto fuori del Senato della Repubblica nella capitale federale (Messico DF). Prova di questa determinazione è lo sciopero della fame di ventuno compagne e compagni che testimonia della volontà di andare fino alla fine con metodi radicali per imporre le rivendicazioni del movimento. Il governo, il PAN, il PRI e le istituzioni hanno cercato di distruggere l’eroica Comune di Oaxaca, per contrastare la richiesta di dimissione del governatore Úlises Ruiz dal momento che le sue dimissioni mostrerebbero alle masse messicane come combattere, seguendo l’esempio della lotta di Oaxaca.

Farla finita con la lotta dell’APPO e provare a distruggere la Comune non è stato un lavoro facile per i partiti borghesi: non hanno acconsentito alle dimissioni di Úlises Ruiz ma non hanno voluto rischiare di scatenare una resistenza generalizzata che avrebbe fatto seguito ad un’eventuale repressione massiccia. Il governo federale e la Segreteria di Governo (SEGOB) hanno cercato di spaccare il movimento attraverso il ricatto, provocando la divisione interna fra gli insegnanti in sciopero e l’APPO. Era questo il proposito delle manovre del tavolo di "negoziazione" che non poteva dare una risposta alle rivendicazioni degli scioperanti e dell’APPO. Governo e SEGOB hanno comunque potuto contare sul appoggio di Rueda Pacheco e dei settori conciliatori dell’APPO che hanno incoraggiato l’iniziativa di un accordo con i senatori federali e la SEGOB. Questi sono gli stessi settori che da settimane ormai fanno pressione perché l’APPO accetti le promesse del governo e faccia marcia indietro nella lotta. Invece di combattere per una politica di sviluppo, allargamento e radicamento del movimento di Oaxaca nel resto dello Stato e in tutto il paese, hanno fatto di tutto per sostenere le proposte della SEGOB.

Nel frattempo, Úlises Ruiz e i suoi paramilitari facilitati da questa politica della conciliazione hanno innescato ieri la peggiore offensiva subita dal movimento di Oaxaca dall’inizio. Il bilancio di questa violenta giornata è stato di quattro morti (un giornalista americano di Indymedia e tre compagni in lotta) e di cinquanta "desaparecidos". Ormai, Abascal, legittimato dagli accordi con la SEGOB a cui è arrivata la direzione del sindacato insegnante, ha chiamato tutti le parti in causa a rispettare "lo stato di diritto", mentre Fox ha ordinato l’intervento della PFP nello Stato di Oaxaca. Invece di dichiarare che non si può tornare al lavoro prima delle dimissioni di Úlises Ruiz, Rueda Pacheco si è mostrato bendisposto ormai a una soluzione di uscita della crisi favorevole al governo, con ciò calpestando una delle rivendicazioni centrali del movimento. Bisogna dirlo chiaramente, Rueda Pacheco ha tradito la lotta dell’APPO e la resistenza eroica di coloro che stanno sulle barricate, che hanno perso la vita in questa lotta. Ormai, Fox, Úlises Ruiz e i gruppi paramilitari si sentono più forti per attaccare e reprimere la Comune di Oaxaca.

Se entrasse la Polizia Federale e s’imponesse una soluzione "dall’alto", il governo che succederebbe a quello di Úlises Ruiz sarebbe ugualmente un governo repressore, corrotto e pro capitalista. L’inizio della militarizzazione della città e la politica di Abascabal mirano a demoralizzare il movimento e a sconfiggerlo attraverso una combinazione di "dialogo" e repressione. Ma coloro che rappresentano la Comune e l’APPO non sono i dirigenti disposti alla conciliazione, ma la base del sindacato dei maestri in lotta, le donne, i lavoratori, i contadini e gli indigeni che giorno dopo giorno hanno difeso le barricate, le occupazioni di edifici pubblici, lo sciopero degli insegnanti e il picchetto di Messico DF. Questa è la forza e la potenzialità delle masse di Oaxaca. È su questa forza che bisogna appoggiarsi per provare a proporre al movimento una politica alternativa. Nella situazione attuale non è possibile negoziare, mentre attaccano e assassinano i nostri compagni. Insieme alla base dell’APPO, ai insegnanti alle organizzazioni, dobbiamo manifestare tutti insieme per rifiutare la negoziazione sotto gli attacchi e le minacce di repressione. Dobbiamo esigere la libertà immediata di tutti i prigionieri politici, la riapparizione dei desaparecidos e esigere che vengano giudicati i responsabili degli attacchi contro le barricate.

Mentre la SEGOB appoggia Úlises Ruiz, afferma ipocritamente di volere il dialogo. Abascal è complice degli attacchi ordinando l’inizio della repressione da parte della PFP. Bisogna mobilitarsi e lottare per il ritiro immediato delle forze di repressione. Fuori l’esercito e la PFP di Oaxaca!
Malgrado l’enorme impegno dimostrato nella lotta da parte dalle basi del sindacato dei maestri per sostenere lo sciopero, la pressione della direzione sindacale, i cinque mesi di sciopero hanno fatto sì che ormai l’idea di ritornare in classe si stia rafforzando tra gli scioperanti. Ma lo sciopero -lo sanno le centinaia di insegnanti in lotta che lo portano avanti- è una misura fondamentale ed è la punta di lancia fondamentale per imporre le dimissioni di Úlises Ruiz. Non si può rinunciare a questa rivendicazione. Appoggiamo incondizionatamente la base sindacale dei maestri che si pronuncia a favore dello "sciopero insegnante fino alle dimissioni di Úlises Ruiz!". Di fronte alla repressione imminente che potrebbe colpire nelle prossime ore i nostri compagni e compagne di Oaxaca, è fondamentale sviluppare la solidarietà di classe. Non bastano le dichiarazioni. Fino ad’ora, i sindacati che si pretendono democratici o d’opposizione non hanno chiamato a un solo sciopero di solidarietà , a nessuna misura di forza importante. Cosa aspettano i compagni della direzione del SME, della UNT, della CNTE per convocare uno sciopero? Che altri compagni siano massacrati? Fino ad’ora, la lotta di Oaxaca, la più importante degli ultimi anni, è rimasta isolata a livello nazionale. Le dichiarazioni di Marcos in solidarietà con Oaxaca sono ben accolte, ma non chiama "La Otra Campaña" a mobilitarsi in appoggio a Oaxaca. Tutte le organizzazioni, insieme, dobbiamo fare appello alla più ampia mobilitazione, a scendere in piazza in appoggio a Oaxaca per evitare che la lotta sia sconfitta.

In questo senso, sono fondamentali la solidarietà e l’appoggio dei lavoratori, degli studenti e dei settori popolari a livello internazionale. Insieme alle organizzazioni che rivendicano come noi la prospettiva della rivoluzione operaia e socialista, come il PSTU in Brasile, il PO, il MAS, il MST in Argentina, il POR e il MST in Bolivia, El Militante e il PRT nello Stato Spagnolo, la LCR, LO e la FLO in Francia, il SWP in Inghilterra, PC-ROL in Italia (fra altri gruppi) e le loro rispettive correnti internazionali, dovremmo organizzare immediatamente una grande campagna contro la politica repressiva del governo e in difesa della Comune di Oaxaca, attraverso un appello ai lavoratori e ai giovani dei diversi paesi per portare avanti nella pratica concreta la solidarietà internazionalista.

Per un governo dell’APPO e delle organizzazioni in lotta
Per riprendere il cammino tracciato da questi ultimi cinque mesi di lotta, bisogna battersi per una politica diversa di quella di Rueda Pacheco e dei settori conciliatori e riformisti. Bisogna battersi perché la APPO e le basi sindacali degli insegnanti votino democraticamente un programma per portare avanti fino alla vittoria le loro rivendicazioni e difendere i loro interessi, per costruire una nuova direzione che sia all’altezza della lotta attuale.
È con questa prospettiva che la LTS del Messico e la FTQI hanno difeso sin dal inizio un programma che prevedeva in primo luogo la lotta per le dimissioni di Úlises Ruiz e che i lavoratori e il popolo imponessero un Governo Provvisorio de l’APPO e altre organizzazioni operaie, contadine e popolari in lotta. Per questo, l’APPO si dovrebbe trasformare in un organismo composto da delegati eletti nelle comunità , nei quartieri e nei centri di lavoro di tutto lo Stato, revocabili e con mandato di base. Dovrebbe essere un organismo che decida in maniera democratica dell’orientamento da seguire. Dovrebbe permettere l’espressione attraverso il voto di coloro che stanno in prima linea e hanno impedito fino ad’ora l’occupazione della polizia e dei militari: le barricate e i corpi di autodifesa. Questa è la maniera migliore per contrastare l’azione delle frange disposte alla conciliazione, sottoporre tutte le decisioni al controllo e alla discussione democratica della classe operaia e dei settori in lotta.

La lotta di Oaxaca fa parte della lotta nazionale contro il governo e le istituzioni capitalistiche che deve andare verso uno sciopero generale politico che dia un colpo decisivo all’attuale regime e apra il camino per imporre un governo dei lavoratori, dei contadini e degli indigeni poveri, basato sui loro organismi di democrazia diretta, l’espropriazione degli espropriatori e possa cominciare la trasformazione radicale e socialista della società . Questa è la prima battaglia. Una delle lezioni che deve trarre l’avanguardia operaia e popolare è che non possiamo lasciare che l’energia delle masse sia dilapidata dalle direzioni riformiste con la loro strategia riformista e conciliatrice di fiducia nelle istituzioni dello Stato borghese. È in questo senso che la LTS e la FTQI pensano che bisogna costruire un partito rivoluzionario dei lavoratori, basato sui settori più coscienti e avanzati della classe operaia e la gioventù combattiva, con una politica e una strategia che li prepari ad essere un’alternativa di direzione nelle nuove battaglie che si avvicinano.

- EVVIVA LA COMUNE DE OAXACA!

- PIENA SOLIDARIETÀ E PIENO APPOGGIO INTERNAZIONALE

- LA LOTTA DELL’APPO NON SI REGALA

- NESSUNA NEGOZZAZIONE MENTRE CONTINUANO GLI ATTACHI DEI PARAMILITARI E LA REPRESSIONE

- SCIOPERO DEI MAESTRI FINO ALLA CADUTA DI ÚLISES RUIZ

- SCIOPERO NAZIONALE E MOBILITAZIONE IN APPOGGIO ALLA APPO E CONTRO LE MINACCIE REPPRESSIVE

FRAZIONE TROTSKISTA PER LA QUARTA INTERNAZIONALE

28/10/06

LTS (Liga de Trabajadores por el Socialismo) MESSICO
PTS (Partido de Trabajadores por el Socialismo) ARGENTINA
LOR-CI (Liga Obrera Revolucionaria por la Cuarta Internacional) BOLIVIA
LER-QI (Liga Estrategia Revolucionaria) BRASILE
Clase contra Clase CILE
JIR (Juventud de Izquierda Revolucionaria) VENEZUELA
Clase Contra Clase STATO SPAGNOLO

  • TAGS
Notas relacionadas

No hay comentarios a esta nota

Periódicos

  • EDITORIAL

    PTS (Argentina)

  • Actualidad Nacional

    MTS (México)

  • EDITORIAL

    LTS (Venezuela)

  • DOSSIER : Leur démocratie et la nôtre

    CCR NPA (Francia)

  • ContraCorriente Nro42 Suplemento Especial

    Clase contra Clase (Estado Español)

  • Movimento Operário

    MRT (Brasil)

  • LOR-CI (Bolivia) Bolivia Liga Obrera Revolucionaria - Cuarta Internacional Palabra Obrera Abril-Mayo Año 2014 

Ante la entrega de nuestros sindicatos al gobierno

1° de Mayo

Reagrupar y defender la independencia política de los trabajadores Abril-Mayo de 2014 Por derecha y por izquierda

La proimperialista Ley Minera del MAS en la picota

    LOR-CI (Bolivia)

  • PTR (Chile) chile Partido de Trabajadores Revolucionarios Clase contra Clase 

En las recientes elecciones presidenciales, Bachelet alcanzó el 47% de los votos, y Matthei el 25%: deberán pasar a segunda vuelta. La participación electoral fue de solo el 50%. La votación de Bachelet, representa apenas el 22% del total de votantes. 

¿Pero se podrá avanzar en las reformas (cosméticas) anunciadas en su programa? Y en caso de poder hacerlo, ¿serán tales como se esperan en “la calle”? Editorial El Gobierno, el Parlamento y la calle

    PTR (Chile)

  • RIO (Alemania) RIO (Alemania) Revolutionäre Internationalistische Organisation Klasse gegen Klasse 

Nieder mit der EU des Kapitals!

Die Europäische Union präsentiert sich als Vereinigung Europas. Doch diese imperialistische Allianz hilft dem deutschen Kapital, andere Teile Europas und der Welt zu unterwerfen. MarxistInnen kämpfen für die Vereinigten Sozialistischen Staaten von Europa! 

Widerstand im Spanischen Staat 

Am 15. Mai 2011 begannen Jugendliche im Spanischen Staat, öffentliche Plätze zu besetzen. Drei Jahre später, am 22. März 2014, demonstrierten Hunderttausende in Madrid. Was hat sich in diesen drei Jahren verändert? Editorial Nieder mit der EU des Kapitals!

    RIO (Alemania)

  • Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica) Costa Rica LRS En Clave Revolucionaria Noviembre Año 2013 N° 25 

Los cuatro años de gobierno de Laura Chinchilla han estado marcados por la retórica “nacionalista” en relación a Nicaragua: en la primera parte de su mandato prácticamente todo su “plan de gobierno” se centró en la “defensa” de la llamada Isla Calero, para posteriormente, en la etapa final de su administración, centrar su discurso en la “defensa” del conjunto de la provincia de Guanacaste que reclama el gobierno de Daniel Ortega como propia. Solo los abundantes escándalos de corrupción, relacionados con la Autopista San José-Caldera, los casos de ministros que no pagaban impuestos, así como el robo a mansalva durante los trabajos de construcción de la Trocha Fronteriza 1856 le pusieron límite a la retórica del equipo de gobierno, que claramente apostó a rivalizar con el vecino país del norte para encubrir sus negocios al amparo del Estado. martes, 19 de noviembre de 2013 Chovinismo y militarismo en Costa Rica bajo el paraguas del conflicto fronterizo con Nicaragua

    Liga de la Revolución Socialista (LRS - Costa Rica)

  • Grupo de la FT-CI (Uruguay) Uruguay Grupo de la FT-CI Estrategia Revolucionaria 

El año que termina estuvo signado por la mayor conflictividad laboral en más de 15 años. Si bien finalmente la mayoría de los grupos en la negociación salarial parecen llegar a un acuerdo (aún falta cerrar metalúrgicos y otros menos importantes), los mismos son un buen final para el gobierno, ya que, gracias a sus maniobras (y las de la burocracia sindical) pudieron encausar la discusión dentro de los marcos del tope salarial estipulado por el Poder Ejecutivo, utilizando la movilización controlada en los marcos salariales como factor de presión ante las patronales más duras que pujaban por el “0%” de aumento. Entre la lucha de clases, la represión, y las discusiones de los de arriba Construyamos una alternativa revolucionaria para los trabajadores y la juventud

    Grupo de la FT-CI (Uruguay)